Uncategorized

Io sono Taranto, ma anche Milano, Roma, Wuhan… tutti insieme per fermare il Virus

Claudio Nicastro, io sono Taranto

#IosonoMilano, ma anche Wuhan, Parigi, Piacenza, Roma, Madrid, Teheran, Treviso, il mondo intero. Perché questa emergenza non risparmia nessuno e solo insieme possiamo uscirne. Quello di Vanity Fair è un appello corale all’unità, alla razionalità e al senso del dovere, valori che riteniamo fondamentali per affrontare la sfida globale a questo virus. Le storie di tutti per attraversare insieme questo momento e non sentirci soli.

Grande successo per l’appello #IosonoMilano, ma anche Wuhan, Parigi, Piacenza, Roma, Madrid, Teheran, Treviso, il mondo intero, di Vanity Fair. L’obiettivo è quello di trasmettere  trasmettere un messaggio di unità, razionalità e forza da una città e da una regione che per prime sono state colpite dal virus COVID-19. Appello che viaggia con il contributo di 64 personalità del mondo della cultura, della moda, del design, dell’imprenditoria e delle istituzioni.

Dal sindaco Giuseppe Sala a Ornella Vanoni, da Giorgio ArmaniMahmood, da Miuccia Prada a Maurizio Cattelan.

E in poche ore #IosonoMilano è diventato anche un hashtag che corre veloce sui social. Sono gli stessi personaggi coinvolti dal magazine Condé Nast che condividono in Rete «l’appello corale all’unità, alla razionalità e al senso del dovere», riprendendo le parole del direttore di Vanity Fair Italia Simone Marchetti, ma anche tutti gli altri. Tutti noi che stiamo vivendo questi giorni difficili: «Uniti per fermare il virus».

#IosonoMilano corre nelle Instagram stories di Alessandro Cattelan, in quelle di Tomaso Trussardi, Carlo Cracco, Stefano Boeri che aggiunge #Rifioriremo. La scrittrice Sumaya Abdel Qader posta la sua copia che la vede tra i volti della cover e spiega: «Ho partecipato con molto piacere al progetto di unità nella lotta al coronavirus». Il designer Massimo Giorgetti ribadisce: «Sono orgoglioso di essere tra i volti di Milano che sul nuovo @VANITYFAIRITALIA raccontano la forza di questa città, al di là di un’emergenza che, nel frattempo, è diventata di portata nazionale. Oggi, da Nord a Sud, siamo divisi ma siamo uniti. #iosonoMilano».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *