Uncategorized

Più contenuti meno like, e l’awareness dei brands e degli influencers?

Si vociferava già da un po’: spariscono i like dalle photo postate su instagram. Il test parte in Canada a maggio ed ora coinvolge anche l’Italia. All’inizio su degli account campione, da poche ore per tutti. ‘Vogliamo che Instagram sia un luogo dove tutti possano sentirsi liberi di esprimersi’. Queste le parole del quadro dirigenti in conferenza stampa.

L’obiettivo finale sarebbe quello di premiare contenuti pregnanti o virtuosi, che attivano un engagement reale e non legato alla riprova sociale. Gli Heads of Public Policy EMEA Tara Hopkins e Mia Garlick hanno infatti affermato che studi recenti confermano che l’uso improprio dei social media può contribuire a una bassa autostima e ai sentimenti di inadeguatezza nei giovani.

Claudio Nicastro AD Balloon Brands in Quota: ” Amo instagram, e svolgo un doppio ruolo sulla piattaforma: sono un utente appassionato e gestisco una squadra di editing che segue lo sviluppo di diversi brands. Credo che questa sia una vera e propria rivoluzione del digital marketing. Ne sentivo parlare da un po’, alcuni conoscenti ed amici sono stati inseriti in dei campioni test già durante l’estate. Io no, solo ieri sera, giovedì 26 settembre aprendo l’applicazione ho visto sparire il totale dei like sotto le photo postate. Stessa cosa per gli account dei brand clienti che seguiamo.

Il mio primo pensiero gridava “awareness????” il totale dei  like per post fino ad ora ha consacrato la notorietà ed il successo di un brand piuttosto che di un prodotto, e si può dire abbia dato vita e significato alla parola influencers. 

Ma dopo aver fatto delle ricerche ed aver analizzato la cosa da più punti di vista, ho capito che la scelta era trainata da motivazioni nobili e giuste e che nella sostanza nulla sarebbe cambiato per i brand e prodotti che lavorano sulla grande piattaforma della moda e del life style. Ma anzi che questo nuovo assetto possa potenziare l’aspetto qualitativo. Gli strumenti di Instagram per le aziende rimangono immutati e gli studi di approccio e di gradimento continuano senza problemi.

Più contenuti, più libertà e più verità. Buona lavoro e buna condivisione a tutti.”

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *